Progetto di Ricerca Giovani Ricercatori – Ricerca Finalizzata 2010
Titolo: Brain and cognitive dynamics of multiple-object processing in normal aging, MCI and Alzheimer disease
PI: Veronica Mazza

La ricerca intende indagare le dinamiche cerebrali e cognitive dei meccanismi di elaborazione di oggetti multipli in soggetti anziani, durante l’invecchiamento normale e patologico (AD, Alzheimer Disease- e MCI, Mild Cognitive Impairment). A tale scopo, si prevede la registrazione delle risposte comportamentali ed elettrofisiologiche (EEG) del cervello in compiti di ricerca visiva in cui è richiesto di rilevare la presenza di elementi salienti multipli (target) presentati insieme ad altri elementi irrilevanti (distrattori). Il progetto si articola in varie fasi, da svolgersi con gruppi di partecipanti differenti e rispettivamente presso il CIMeC, Università di Trento, e l’IRCCS Centro San Giovanni di Dio-Fatebenefratelli di Brescia.
Alcuni studi comportamentali indicano che l’elaborazione di oggetti multipli nell’invecchiamento subisce un naturale declino. Pertanto in una prima fase s’intende verificare se tale declino sia attribuibile a un generale invecchiamento di tutte le operazioni mentali associate all’analisi di oggetti multipli (attenzione e stadi tardivi legati alla memoria di lavoro) o se sia coinvolta in maniera più selettiva una delle due specifiche sottocomponenti. A tale scopo saranno svolti una serie di esperimenti comportamentali ed EEG che prevedono l’esecuzione di compiti in cui tipicamente saranno presentati sullo schermo del computer alcuni elementi geometrici (p.e. rombi) di colori diversi e verrà chiesto ai partecipanti di eseguire differenti tipi di compito (es., riportare il numero di elementi contraddistinti da un colore saliente). I risultati di questa prima fase permetteranno di fornire una serie di indizi circa quali stadi (attenzione o stadi tardivi legati alla memoria di lavoro) siano più coinvolti nel declino legato all’invecchiamento. A tale scopo verranno testati sia soggetti anziani sia partecipanti giovani sani, in modo da evidenziare le differenze tra i due gruppi.
In base ai risultati degli esperimenti condotti in questa fase, nella seconda fase s’intende studiare l’attività comportamentale e neurale in due forme di decadimento cognitivo patologico (AD ed MCI). A tale scopo, i pattern comportamentali ed EEG dei partecipanti anziani sani saranno confrontati con i corrispettivi ottenuti da partecipanti anziani con decadimento cognitivo patologico (AD e MCI).

Ministero della Salute

Comments are closed.